ALBO D'ORO

 

Nella schiera dei Fatebenefratelli che da quattro secoli e mezzo perpetuano la dedizione del Fondatore verso i malati ed i poveri, molti hanno raggiunto la vetta della santità e per svariati di loro è stato iniziato il Processo di Beatificazione: si tratta di una procedura giustamente complessa e che richiede perciò tempi assai lunghi, ma per 74 Fatebenefratelli essa ha già avuto un felice epilogo e merita perciò farne cenno. 

A parte il folto gruppo dei martiri, le tre figure più note, oltre al Fondatore, sono quelle di San Riccardo Pampuri, di San Giovanni Grande e di San Benedetto Menni: un terzetto ben assortito, che abbraccia i tre ruoli principali del Fatebenefratelli, giacché il primo fu un medico, il secondo un infermiere e il terzo un sacerdote.

 

SAN GIOVANNI DI DIO 

La santità del Fondatore dei Fatebenefratelli è stata riconosciuta ufficialmente dalla Chiesa, fin dal 1630, quando venne proclamato Beato. La festa liturgica fu fissata l'8 marzo, giorno della sua nascita al Cielo. Nel 1690 Alessandro Vlll lo proclamò Santo. Lui e San Camillo de Lellis furono poi prescelti nel 1886 come Patroni degli Ospedali e dei malati e nel 1930 anche come Patroni degli operatori sanitari. 

 

SAN RICCARDO PAMPURI

Nacque nel 1897 a Trivolzio, un paesino a 12 Km da Pavia. Laureatosi in medicina nel 1921, lavorò per sei anni come medico condotto a Morimondo (Milano). 

Nel 1927, desiderando consacrarsi ai malati in maniera più completa e totale, entrò a Brescia nel Noviziato dei Fatebenefratelli e vi emise la Professione Religiosa il 24 ottobre 1928. Gli venne affidato il Gabinetto Dentistico e la gente accorreva a lui non solo per la competenza professionale, ma per il garbo e l'amore con cui avvicinava i pazienti. 

Purtroppo nella primavera del 1929 la sua salute cominciò a vacillare, minata da una malattia allora inguaribile: la tubercolosi. Dopo un susseguirsi di miglioramenti e di ricadute, il 18 aprile 1930 fu trasferito nell'Ospedale che i Fatebenefratelli hanno a Milano dove morì la sera del primo maggio, giorno in cui si celebra la festa liturgica da quando fu proclamato Beato nel 1981. Fu iscritto tra i Santi nel 1989. 

 

Come ben ebbe a sottolineare il Papa: "la vita breve ma intensa di fra Riccardo Pampuri è uno sprone per tutto il popolo di Dio, ma specialmente per i medici. Ai suoi colleghi egli rivolge un appello, affinché svolgano con impegno la loro delicata arte, animandola con gli ideali cristiani, umani, professionali, perché sia una autentica missione di servizio sociale, di carità fraterna, di vera promozione umana". 

 

SAN GIOVANNI GRANDE

Fu il primo Fatebenefratello dopo S. Giovanni di Dio ad essere proclamato Beato nel 1853. 

Era nato a Carmona (Spagna) nel 1546 e da giovane, dopo una breve esperienza eremitica nella quale maturò la decisione di dedicarsi al servizio del prossimo, decise di trasferirsi a Jerez e cominciò con l'assistenza ai carcerati. Ma presto focalizzò il suo interesse nel settore sanitario e gli venne affidata un'infermeria per i malati rifiutati dagli ospedali. 

Ben presto gli si affiancarono dei discepoli e verso il 1574 egli decise di fondere il suo gruppo con quello sorto a Granada per iniziativa di San Giovanni di Dio. Vestito l'abito dei Fatebenefratelli, egli continuò a prodigarsi nella città andalusa di Jerez de la Frontera, dove nel 1589 ebbe anche l'incarico dalle autorità locali di riorganizzare l'intera rete ospedaliera della città. Morì assistendo gli appestati il 3 giugno 1600. E' stato canonizzato dal Santo Padre Giovanni Paolo II il 2 giugno 1996.

 

SAN BENEDETTO MENNI

L'Ordine dei Fatebenefratelli è un istituto laicale, ma con la possibilità, fin dalla sua approvazione, di avere in ogni Comunità anche l'eccezione di un confratello prete che assista i malati come cappellano. 

Il Beato Benedetto Menni - nato nel 1841 a Milano dove prese l'abito dei Fatebenefratelli nel 1860 - fu appunto prescelto per questo ruolo sacerdotale e venne ordinato prete a Roma nel 1866. Egli fu mandato in Spagna ed incaricato di far rinascere l'Ordine in quel Paese dove era stato soppresso in seguito alla legge massonica emanata nel 1835. 

Dopo lunghe vicissitudini, spesso drammatiche, egli non solo riuscì a reclutare nuove vocazioni, ma fondò tra Spagna, Portogallo e Messico ben 22 Ospedali per ogni specie di infermi, soprattutto però dementi e fanciulli storpi, che erano le categorie allora più trascurate dall'assistenza pubblica. 

Oltre ad essere il restauratore delle Province spagnola, portoghese e messicana dei Fatebenefratelli, fu fondatore del ramo femminile, le Suore Ospedaliere del Sacro Cuore di Gesù, presenti oggi in 26 nazioni con oltre un centinaio di comunità. P. Benedetto Menni morì a Dinan (Francia), nel 1914: era il 24 aprile e tale data fu poi scelta come sua festa liturgica quando fu beatificato nel 1985. 

 

E' stato canonizzato dal Santo Padre Giovanni Paolo II il 21 novembre 1999. 

 

I MARTIRI DELLA SPAGNA

Nell'Albo d'oro dell'Ordine sono elencati martiri in Belgio, Polonia, Colombia, Cile, Brasile, Filippine, ma soprattutto in Spagna, dove durante la guerra civile del 1936 ben 98 Fatebenefratelli furono uccisi in odio alla fede; 71 di questi il Papa ha deciso di proclamarli Beati in San Pietro il 25 ottobre 1992. 

 

Tra questi 71 Beati ne ricordiamo qui solo uno perché visse per ben dieci anni nella Provincia Romana, dove ricoprì gli incarichi dapprima di maestro dei Novizi e poi di Priore di Frascati: fra Guglielmo Llop. Egli nacque in Spagna nel 1880 ed a 18 anni prese l'abito dei Fatebenefratelli. Restò nella Provincia Romana dal 1912 al 1922, distinguendosi particolarmente nell'assistenza ai feriti della Grande Guerra. Tornato in Spagna, fu arrestato e fucilato il 28 novembre 1936 e le sue ultime parole furono di perdono per i suoi uccisori.